iniziative, risorse, immagini di Castelnuovo di Ceva

Cappella di San Nicola (Bardineto – SV)

La cappella sorge poco sopra l’inizio della strada che, superato il colle dello Scravaion, porta ad Albenga. Se la sua collocazione è incomprensibile alla luce della viabilità odierna, per comprendere le ragioni della sua costruzione basta leggere quanto indicato sulla targa in legno all’inizio del sentiero: riporta l’indicazione “colle di Toirano”. Bisogna tenere presente che ancora per tutto il XVIII secolo non esistevano collegamenti terrestri tra i vari centri della Riviera di Ponente ed i...

Santuario di Santa Maria delle Grazie (Calizzano – SV)

L’edificio sorge poco fuori del paese lungo la via che conduce al colle del Melogno e a Finale. Gli affreschi visibili sulla volta di un portichetto, a sinistra dell’entrata principale in trono, sono opera del Maestro di Rocaverano (101). In una lunetta il Cristo in mandorla è rappresentato con in mano i flagelli nel giorno del giudizio finale. I corpi sembrano sorgere da un terreno fangoso. Nell’angolo un giovane sembra esprimere disappunto per la situazione,...

San Giovanni in Langa (Murialdo – SV)

La cappella sorge tra i boschi, lungo lo spartiacque tra la valle del Tanaro e quella della Bormida di Millesimo; la costruzione risale al 1033. Come per Castelnuovo la sua fondazione è legata alle proprietà assegnate in questa zona all’abbazia Santa Maria di Castione di Parma. Lo spessore delle mura dimostra che questa svolgeva anche una funzione difensiva di un importante nodo stradale. E’ collocata, infatti, nei pressi di un importante incrocio tra i percorsi...

Parrocchia di San Lorenzo (Murialdo-SV)

La chiesa domina la strada di fondovalle con le sue absidi e l’alto campanile. La facciata si apre, infatti, sull’antico percorso per Calizzano che scendeva dal sovrastante oratorio di sant’Agostino e dalla sede comunale del XIX secolo. La costruzione, sui resti di un precedente edificio, ha avuto inizio, secondo le fonti storiche, con la concessione approvata l’11 gennaio del 1440; la chiesa verrà completata nel 1445 su disegno del maestro Francesco Garrone. Le strutture murarie...

Santa Maria Extra Muros (Millesimo – SV)

Collocata fuori dall’antico borgo lungo il percorso che costeggia il corso del Bormida, la chiesa è stata edificata tra il X e il XV secolo. Sul lato sinistro un resto di muro realizzato con mattoncini distribuiti a lisca di pesce, secondo una tipologia riferibile al IX – X secolo, è quanto rimane della fondazione più antica della chiesa. Quattro robusti contrafforti quattrocenteschi accentuano l’aspetto massiccio della facciata a capanna costruita in stile romanico. La decorazione...

Confraternita di Santa Croce (Priero – CN)

I resti di affreschi ancora visibili all’interno dell’edificio, detto anche oratorio dei Disciplinanti, rappresentano una testimonianza delle prime forme di pittura rinascimentale del territorio cebano e possono essere attribuiti alla scuola di Giovanni e Bartolomeo Botonieri da Cherasco (147). Al fondo della parete di destra, racchiusi da una finta intelaiatura architettonica, sono raffigurati episodi dell’infanzia di Gesù: la Natività, riconoscibile per l’angelo che regge il cartiglio con il Gloria sopra la capanna, l’Adorazione dei magi,...

Chiesa Parrocchiale di Priero (CN)

Il campanile è l’elemento più vistoso e meglio conservato dell’antica chiesa parrocchiale. Costruito in pietra e mattoni, conserva aperture a bifora con colonnina centrale in pietra. Frammenti di affreschi, risalenti ai primi decenni della seconda metà del XV secolo, sono ancora visibili all’esterno. Si riconoscono due momenti della vita di sant’Antonio: l’elemosina ai poveri e la tentazione di sant’Antonio, in cui l’elegante donna tentatrice è raffigurata con una raffinata pettinatura. Il disegno minuto ed il...

Cappella di Sant’Anastasia (ora Sant’Anna) (Sale SanGiovanni – CN)

La cappella di sant’Anastasia risale al 1050. Probabilmente opera dei monaci del monastero benedettino di San Benedetto Belbo, emanazione di quello di Santa Maria di Castiglione di Parma. Dal 1584 la dedicazione a sant’Anna sostituì quella a santa Anastasia. L’analisi della struttura e la discontinuità delle murature fa ipotizzare una costruzione in più tempi e rimaneggiamenti: all’inizio doveva essere un semplice arcone aperto sul davanti, l’attuale abside, che fu successivamente ampliato verso la navata principale....

Pieve di San Giovanni Battista (Sale San Giovanni – CN)

La pieve di san Giovanni, ora chiesa cimiteriale, fu parrocchia fino al 1380. Si presenta in stile romanico lombardo, la sua costruzione risale ai primi decenni dell’XI secolo, forse opera dei frati Benedettini arrivati all’epoca nel territorio di Sale. Recenti lavori di restauro hanno messo in evidenza ad un livello inferiore dell’attuale pavimento resti che, secondo la tradizione, potrebbero essere fatti risalire ad un preesistente tempio pagano. La struttura della chiesa è in pietra lavorata...

Cappella di San Sebastiano (Sale San Giovanni – CN)

Costruita all’ingresso del paese, forse per un voto fatto durante la pestilenza diffusasi nel 1350, ha subito nel tempo modifiche dell’orientamento e delle aperture facilmente leggibili nella struttura muraria. Il pavimento in terra battuta è stato rialzato di un metro e mezzo per adeguarlo al livello della nuova strada. La morte è il tema dominante degli affreschi interni. La morte atterra con la lancia un cardinale, il prelato cerca di invocare clemenza alzando una mano;...