12 agosto: Il cielo stellato sopra di noi al Bric delle donne con Adriano Pecollo

Pubblichiamo la scaletta della serie di ricchissime osservazioni che Adriano Pecollo ha fatto per guidare il numeroso e affascinato pubblico alla osservazione del cielo stellato; mercoledì 12 AGOSTO 2015,  alle ore 21,00,  al  “BRIC  DELLE  DONNE”.

 

Presentazione:

Signore e Signori buonasera e benvenuti a questa serata “sotto le stelle” organizzata dal Comitato per la  Valorizzazione di Castelnuovo.

Per molti di Voi sara’ una serata un po’ particolare,in effetti quanti di noi  sono rimasti in luoghi bui e lontano da centri abitati almeno per mezz’ora a guardare il cielo con il naso all’insu’??? E da soli???? Credo molto pochi!!!!!  questa  pertanto sara’ una serata un po’speciale per molti ,perché offrira l’opportunita’di guardare il cielo con occhi diversi ma soprattutto di guardarlo per capirlo ma anche per  apprezzarne  la sua affascinante bellezza. Almeno cosi’ spero.

Mentre i nostri occhi si stanno abituando all’oscurita’,e questo  almeno gia’ dopo dieci minuti ci permettera’ di vedere molti piu’ oggetti in cielo,Vi vorrei invitare ad una breve riflessione o meglio a pensare ad una cosa che ogni volta mi emoziona quando mi metto ad osservare il cielo e le stelle.cioe’

che  il cielo che stiamo osservando in questo momento sopra di noi e ad occhi nudi,è lo stesso cielo che osservavano 5.000 o 6.000 anni fa  le prime  civilta’ organizzate che abitavano la terra”Non vi emoziona il saperlo???

 Difatti gia’dal 3.000 o 4.000  A.C.  i sacerdoti,i maghi,gli astrologhi e gli studiosi,degli Assiro Babilonesi, degli Egiziani,come pure dei Cinesi,e dei Greci e

dei Maia in Sud America, passavano notti e notti a studiare  il cielo,il sole i pianeti e la luna ,per cercare di capirne la natura e per sapere  il perché della loro esistenza.

Una delle conseguenze di queste ricerche fu’che nelle civilta’ a noi piu’ vicine, geograficamente, come i Greci,(Ipparco,Eratostene Aristarco di Samo)Babilonesi (con il calendario basato sui cicli lunari)ed Egizi (calendario basato sul sole,tre stagioni,SIRIO che annunciava al mattino le inondazioni del Nilo)si  consolido’ ,gia’ da molti secoli A.C. ,  la teoria Tolemaica ,cioè che la Terra era al centro dell’universo.e quindi sia il sole che la luna ed i 5 pianeti conosciuti incastonati su diverse sfere concentriche alla terra le ruotavano attorno , mentre a distanza maggiore  la sfera delle stelle fisse delimitava il mondo.

Gli stessi studiosi, ,per facilitare l’orientamento per i viaggi su terra ferma e per mare,

in quasi tutte le civilta’ conosciute avevano suddiviso il cielo in tante  costellazioni, cioè avevano raggruppato  le  stelle  a gruppi,dando loro il nome di personaggi mitologici o rappresentativi della loro storia e civilta’,riportandone addirittura i disegni su papiri o tavolette di cera.

L’uomo pertanto era considerato  il centro dell’universo ed i regnanti ed i sacerdoti ed i loro  rappresentanti erano considerati quasi degli dei con poteri divini assoluti.

Le leggende e le storie della mitologia che ci sono state tramandate  ne sono la dimostrazione.

Gli Astrologhi di allora,che non sono di certo  paragonabili a quelli che popolano le nostre TV di oggi,in quanto profondamente studiosi  del cielo,avevano osservato per anni e anni le  stelle fisse, il movimento dei 5 pianeti visibili ad occhio nudo(dal greco PLANETES vuol dire oggetti erranti,vaganti  nel cielo) e cioè

MERCURIO,VENERE, MARTE GIOVE e SATURNO

ed il movimento del SOLE  e della LUNA,e pur non conoscendone la natura erano riusciti a conoscere le stagioni ed a  prevedere con una certa precisione e con largo anticipo quei fenomeni celesti,(soprattutto eclissi e congiunzioni tra pianeti)che avevano un enorme potere suggestivo tra la gente ma soprattutto tra i governanti,re,sovrani e le loro corti.

Anche i giorni della settimana ,che ci tramandiamo da secoli derivano dal cielo,ispirati dal sole dalla Luna e dai 5 pianeti allora  conosciuti ed i nome degli stessi pianeti derivano da alcuni dei della mitologia o viceversa?

MERCURIO,il pianeta piu’ veloce attorno al Sole  era il Dio alato,VENERE la “stella”piu’ luminosa del cielo era la dea della bellezza,MARTE il pianeta rosso sangue il Dio della guerra e  il gigante GIOVE  il simbolo dell’autorita’ ed il  re degli dei ,e SATURNO il simbolo della saggezza e della giustizia .

Se adesso  volgete lo sguardo verso Sud,cioè verso il centro di Castelnuovo vedrete un oggetto luminoso  tra le stelle dello Scorpione,che brilla di una luce fissa e bianca e non tremolante come la luce delle stelle.Quel puntino luminoso è SATURNO,che avremo modo di osservare  piu’ tardi prima che tramonti.   saturno

E lo stiamo vedendo come lo vedevano anche le tribu’ primitive.

Per queste conoscenze quindi  gli ASTROLOGHI erano ritenuti dai loro sovrani e dai rispettivi popoli custodi di verita’  e dotati  di poteri divinatori e profetici.Proprio per queste  qualita’ erano soggetti a continue richieste di previsioni future anche  su guerre,epidemie,amori e morti,che non avevano nessun legame con i fenomeni celesti.

Loro malgrado quindi  si adattavano a soddisfare le richieste dei loro sovrani con fantasia e previsioni inventate.(se si fossero rifiutati di fare previsioni  su detti argomenti,sarebbero stati  puniti e forse giustiziati.)

Gli unici fenomeni che gli astrologhi non erano riusciti a prevedere  erano le comete,molto luminose a quei tempi,la caduta degli asteroidi  e delle stelle cadenti

Che forse vedremo anche noi questa sera ,verso la fine della serata

per cui al loro apparire,non conoscendone la natura,gli stessi facevano previsioni catastrofiche di guerre ,epidemie,e di altri fenomeni che incutevano timore sia tra i sovrani che tra il popolo.

Solo alla fine del 1500 e dal  1600 in poi  ,grazie a scienziati  come NEWTON e KEPLERO  si accerto’ che in tutto l’universo visibile ed osservabile  tutti i fenomeni celesti rispettavano le leggi fisiche che regolavano la vita sulla terra,e nell’universo.

Quindi solo circa 400 anni fa,alcuni studiosi europei  capeggiati dall’astronomo COPERNICO ,attraverso  calcoli matematici ed osservazioni piu’ accurate  del cielo,effettuate  anche con modesti strumenti ottici, come il cannocchiale di Galileo

dimostrarono che cio’ che l’uomo credeva da oltre 5.000 anni era sbagliato e cioè dimostrarono che in effetti era il SOLE  ad essere al centro  dell’universo conosciuto, e  che tutti i pianeti compresa la terra , ruotavano attorno alla nostra stella compiendo orbite quasi circolari ed  a distanze diverse.

Queste affermazioni rivoluzionarie  crearono scompiglio tra i potenti,compresa la chiesa,e si fece di tutto per evitare che certe teorie eretiche(poi dimostratesi pero’ esatte) si diffondessero tra il popolo.

Addirittura nel 1600 Galileo,che fu uno dei molti scienziati e studiosi che accettarono e divulgarono la teoria COPERNICANA, subi’ un processo dall’inquisizione per eresia ; fu salvato per l’intervento della famiglia  dei Medici di Firenze,cosa che purtroppo non capito’ a molti altri studiosi del tempo,che fecero una fine atroce.

Se vi capita di andare a Roma provate ad andare in Piazza CAMPO DEI FIORI,ed osservate la statua eretta nel centro della Piazza.

E’ una statua che raffigura un monaco con un lungo saio e con il cappuccio che gli nasconde il viso.La sensazione che si prova è  che la statua raffiguri   un personaggio  negativo che incuta timore  e  paura.

Invece la statua rappresenta  il filosofo ,scrittore,poeta.e scienziato GIORDANO BRUNO,che avendo anche lui perorato e divulgato la teoria Copernicana come Galileo ed altri scienziati,fu condannato dall’Inquisizione per eresia  ed arso vivo nella stessa piazza nel 1600.

Fu il potere papale di qualche anno dopo che per farsi perdonare fece erigere la statua per onorare GIORDANO BRUNO,nella stessa piazza dove fu sacrificato,ma scelse tra tanzi bozzetti quello meno positivo,cioè  quello che  lo rappresentasse come un personaggio umile e sottomesso al potere

  Faccio una breve riflessione sul fatto che fu arso vivo un filosofo scrittoree scienziato   per aver  divulgato una verita’ scientifica  e mi domando allora cosa dovremmo fare oggi a certi  politicanti che  la verita non la dicono mai?

 Scusate se mi sono dilungato troppo su questi argomenti ma ritengo che  conoscendo la storia legata allo studio del cielo ci possa aiutare a capire meglio il mondo di oggi e forse anche a migliorarlo.

 Dopo aver osservato il passaggio della ISS(la stazione spaziale che quando vedremo alle ore 21,54 stara’ sorvolando Londra e la Manica e che  scomparira’ ai nostri occhi  alle  22,00 dopo aver sorvolato la Germania ,l’Ungheria e la Romania –ha le dimensioni di un campo di calcio e ad una altezza di 400 Km dalla terra viaggia ad una velocita’ di 26.000 Km. all’ora)

ci concentriamo sulla ricerca della stella POLARE,una stella non molto brillante ma assolutamente la piu’ importante della storia dell’uomo situata nella costellazione dell’ORSA MINORE o PICCOLO CARRO:-

– indica il polo NORD perche è situata sul prolungamento in cielo dell’asse terrestre e quindi ha sempre rappresentato un punto di riferimento per i viaggiatori notturni sia per mare che per terra;

 -PER TROVARLA NEL CIELO osserviamo il Gran Carro od Orsa Maggiore e  prolunghiamo  per 5 volte la distanza tra le due stelle del Carro

Tornando all’orsa maggiore  osserveremo Alcor e Mizar  una stella doppia difficilmente visibile ad occhio nudo(in effetti il sistema è composto di 7 stelle

ruotanti attorno ad un unico centro di gravita’.

 Prolungando a sinistra il timone del gran carro troviamo

-ARTURO nella Costellazione BOOTES il Guardiano dei Buoi o degli ORSI è una gigante rossa grande 22 volte piu’ del SOLE che si allontana da noi ad una velocita’ di 5 KM al secondo.

 -OSSERVAZIONE DELLA VIA LATTEA la nostra galassia

 -TRIANGOLO ESTIVO

 – la LIRA(strumento musicale donato ad Orfeo) con VEGA  la 5° stella piu’ luminosa del cielo-dista 27 anni luce-apice solare- Stella doppia epsilon-prova visiva(4 stelle)Nebulosa anulare della LIRA M 57 –

 -L’AQUILA con ALTAIR stella simile al Sole  che ruota cosi’ velocemente su se stessa,in 6,30 ore che sembra una palla da Rugby tanto è schiacciata ai poli

Il Sole ruota su se stesso in 25 giorni e mezzo.

 -FRECCIA,VOLPETTA,DELFINO piccole costellazioni tra l’AQUILA ed il CIGNO

 -il CIGNO – o Croce del Nord  con DENEB(la coda) una supergigante grande 60.000 volte il nostro sole ma dista  1.600 anni luce da noi-

ALBIREO la testa  la piu’ bella doppia del cielo Giallo oro+Azzurro zaffiro

Nebulosa Nord America

 STELLE CADENTI  PERSEIDI O LACRIME DI SAN LORENZO

 -originate dalla Cometa SWIFT –TUTTLE  con periodo di 119,6 anni –ultimo passaggio nel 1984 –

Altre stelle cadenti di questo periodo sono le ACQUARIDI e le CIGNIDI che hanno origine dalle rispettive costellazioni.

 -PERSEO – la costellazione  dove la Beta ALGOL o STELLA DEMONE  è una stella variabile a eclisse  con periodo di due giorni –Ammassi H e CHI persei

 -CASSIOPEA

 -PEGASO il cavallo alato

 -ANDROMEDA la GAMMA è una bella stella doppia  GIALLO ARANCIO e BLU VERDE

 SAGITTARIO centro galattico con molti ammassi e nebulose(con arco e freccia)

 SCORPIONE con Saturno e la rossa ANTARES supergigante rossa  700 volte piu’ luminosa del Sole  e 9000 volte piu’ luminosa-al posto del Sole arriverebbe sino a Marte-

 SATURNO ed i suoi anelli

 ERCOLE con M13 un ammasso di 1.000.000 di stelle  di 13 milioni di eta’ e distante da noi 25.000 anni luce

 VARIE e chiusura della serata

 

Adriano Pecollo

 

Castelnuovo di Ceva 12/Agosto/2015

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

You may also like...